domenica 3 marzo 2019




                                  LA FASE BREAK


Un ben ritrovati a tutti gli amici che guardano  il mio blog. Abbiamo raggiunto le 125000 visualizzazioni", all'interno del nuovo sito all'indirizzo https://sites.google.com/site/professionalvolley/home 
nella cartella ALLENAMENTI potete trovare una serie di spunti interessanti per allenare la fase break. Al momento anche se siete in tantissimi che consultate il Blog il sito e il canale YouTube in pochi  commentano i vari post. Spero  mi sarete di aiuto e stimolo fornendomi dei feedback per migliorare ed inserire ulteriore materiale. Un cordiale saluto. 
                                                                             Stefano Lorusso

sabato 16 febbraio 2019





PESI  E  ADOLOESCENZA 


Ciao amici, oggi vi propongo un post molto interessante, che è spesso tema di discussione tra i professionisti dell’educazione motoria, fisiologi e medici sportivi sull’utilizzo di carichi attraverso l’utilizzo di pesi e macchinari specifici. Spero, come sempre che il materiale sia di vostro interesse. Lo potete visionare e scaricare sul mio sito nella home Page all’indirizzohttps://sites.google.com/site/professionalvolley/home
Spesso  mi  ritrovo  di  fronte  a  frasi  del  tipo  “sei  troppo  piccolo  per  andare  in  palestra”  ,  “  andare  in  palestra cosi  giovane  è  dannoso”,  ecc  ecc,  e  allora  mi  chiedo:  ma  esistono  davvero  problemi  legati  all’allenamento  in palestra  per  i  giovani? Molti  preparatori  sconsigliano  questo  allenamento  preferendo  i  così  detti  esercizi  a  carico  naturale  dicendo che  allenarsi  in  palestra  è  troppo  “pesante”  per  soggetti  in  via  di  sviluppo. Iniziamo  con  una  piccola  riflessione  :  il  peso  del  corpo  (carico  naturale)  è  sicuramente  un  carico  più  alto  di quello  imposto  dai  pesi  ,  è  un  carico  non  graduabile   e  forse,  in  certi  casi,  troppo  elevato  per  le  articolazioni in  quell’età. A mio parere  (e  non  solo  mio)  non  ci  sono  controindicazioni  nel  praticare  attività  di  pesi  in  giovane  età,  anzi possiamo  dire  che carichi  adeguati  facilitano  la  formazione  dell’osso Alcuni  studi  parlano  di  aumenti  nella  statura Otteniamo  sicuramente  una  modificazione  positiva  dello  stato  di  salute Grande  attenzione  sullo  sviluppo  di  tronco  e  addome  che  avranno  funzione  preventiva  verso atteggiamenti  viziati  tipici  dell’età Il  miglioramento  fisico  genera  autostima Ovviamente  tutto  ciò  lo  otteniamo  solo  e  soltanto  se  il  personale  che  troviamo  in  palestra  saprà  come comportarsi,  cosa  proporre  e  riuscirà  a  fare  una  valutazione  oggettiva  dell’atleta  in  esame. La  prima  domanda  può  essere  :  utilizziamo  macchine  o  pesi  liberi?  La  tabella  che  segue  chiarisce  quali  sono vantaggi  e  svantaggi  e  come  sempre  consiglio  di  scegliere  cosa  usare  in  base  al  soggetto,  alle  sue caratteristiche  e  al  grado  di  esperienza  e  allenamento.  Ad  un  principiante  che  si  approccia  per  la  prima volta  alla  sala  pesi  consiglio  assolutamente  l’utilizzo  di  macchine  guidate. 

sabato 29 dicembre 2018

ALLENAMENTO NAZIONALE CADETTE
CAMBIANO DICEMBRE 2018
ALLENATORI 
PASQUALE D’ANIELLO 
OSCAR MAGHELLA


Ciao amici, oggi vi suggerisco l’ultimo post del 2018, con un video realizzato durante una collegiale, con aggiornamento degli allenatori del gruppo della Nazionale Cadette. Il video, propone lo svolgimento dell’allenamento ed esprime da parte dell’allenatore, Pasquale D’Aniello, le nuove Indicazioni metodologiche che lo staff delle nazionali, di cui è responsabile Davide Mazzanti realizza con le varie selezioni. Alcuni concetti espressi, non mi trovano completamente d’accordo, soprattutto con riferimento alla crescita e stabilizzazione Tecnica delle giovani giocatrici. Sicuramente è motivo di riflessione e discussione tra gli addetti ai lavori. Vi auguro un buon fine anno e un felice anno nuovo ricco di successi. 

Stefano Lorusso









sabato 22 dicembre 2018



UNA INTERPRETAZIONE DEL MENTAL TRAINING SECONDO LA ANALISI TRANSAZIONALE

La teoria della Analisi Transazionale offre una interpretazione moderna della personalità umana e dei nodi che ne coartano la piena espressione. Anche se utilizzata principalmente per la terapia, ha trovato da sempre ottime ricadute sul piano educativo e organizzativo. Lo sport, palestra di crescita e benessere, può trarre da tale teoria spunti importanti per inquadrare il legame tra psiche e corpo nelle situazioni agonistiche. In questo articolo esamineremo l’utilità del Mental Training secondo alcuni concetti dell’Analisi Transazionale. Partiremo dal parallelismo tra stati dell’Io e attività fisica, per sviluppare un possibile significato psicodinamico delle tecniche di coaching. 
Il lavoro è realizzato dal team Sport dell’I.T.A.T: Elisabetta Vercellino, Barbara De Marchi, Antonella Donatone, Maristella Fantini, Dinorah Moscatelli.
Il file lo potete trovare su mio sito all’indirizzo  https://sites.google.com/site/professionalvolley/home
nella cartella coaching. Buona lettura.

     Stefano Lorusso