sabato 13 ottobre 2018

LIVELLO MOTORIO DURANTE LA FANCIULLEZZA

Un ben ritrovati ai tantissimi amici e colleghi che seguono il mio Blog. Ringrazio per gli attestati di stima che ricevo sia sui social sia per e-mail. 
Oggi vi presento un nuovo post, con una ricerca tratta da un articolo della rivista SDSA firma di Nicola Lovecchio del Dipartimento di scienze biomediche per la salute dell’Università degli studi di Milano, di Matteo Gerenzano della scuola di scienze motorie, università dello studio di Milano, Matteo Giuriato Dipartimento di scienze umane, Università degli Studi di Verona e Antonio La Torre del Dipartimento di scienze biomediche per la salute, Università degli studi di Milano. Che potete visionare e scaricare dal mio sito all’indirizzohttps://sites.google.com/site/professionalvolley/home
Da qualche anno è diventato palese il riscontro che livello motorio dei fanciulli italiano sia peggiorato. Questa constatazione e innegabile ma sarebbe un errore collocare tale peggioramento anche sotto i livelli dei coetanei europei. Oltre 600 fanciulli In età scolare (scuola primaria 6-11 anni) Sono stati liberamente coinvolti in questo studio per Verificare se il livello di performance fisica dei nostri giovani studenti sia realmente inferiore se paragonato a quello dei giovani degli altri Stati. I dati indicano, ovviamente, differenze significative tra livelli ottenuti dei maschi rispetto alle femmine (soprattutto dopo i 10 anni) ma non permettono di rilevare significative differenze  rispetto alle altre nazioni europee. Quindi se è vero che i giovani stanno diventando sempre meno performanti rispetto a soli 10 anni fa, possiamo valutare di essere in un trend comune che ingloba molti paesi diversi per economia, sviluppo, territorio e tradizione. Questi dati impongono dunque riflessioni sulle strategie di intervento per la diffusione delle diverse discipline sportive in ambito giovanile.
Come sempre spero che il materiale che inserisco possa essere di stimolo e mezzo di formazione per migliorare sia le nostre conoscenze sia un miglior approccio metodologico in palestra.
Auguro a tutti un proficuo anno sportivo.
Arrivederci al prossimo post. 

Stefano Lorusso

martedì 24 luglio 2018



LA METODOLOGIA PSI.CO.M.


Un caro saluto a tutti gli  amici e colleghi che seguono assiduamente il mio Blog dalle diverse parti del mondo. Siamo ormai in estate inoltrata, tempo di riposo ma anche di studio ed aggiornamento. Oggi vi propongo un post tratto da un articolo della rivista SDS “fondamentale strumento di ricerca e aggiornamento”, Di Massimo Sciuto, Responsabile Servizio di Riabilitazione Psichiatrica presso CENTRO CLINICO ALETEIA. Sullo sviluppo dell’intelligenza attraverso il movimento nell’età evolutiva con il metodo PSI.CO.M. Il concetto di variabilità dell’esercizio, costituisce uno dei principi alla base della prassi didattica dell’educazione motoria. La focalizzazione sulla variabilità delle esperienze motorie, però rischia di perdere di vista che il divenire e parte di un processo più ampio complesso in cui lo sviluppo cognitivo (ma non solo) ricoprono ruolo centrale.
Il materiale in formato PDF lo potete trovare e scaricare all’interno del mio sito e nella home page e all’indirizzohttps://sites.google.com/site/professionalvolley/home
Vi auguro una buona lettura e serene vacanze. 
                                                                                                                    Stefano Lorusso

martedì 8 maggio 2018







APPUNTI PER LA RICEZIONE


Un caro saluto ai Tantissimi amici e colleghi che mi seguono attraverso il mio blog, il sito e la mia pagina di Facebook.  In questi mesi ho elaborato una serie di appunti con teoria e pratica per l’allenamento della ricezione. All’interno del file ci sono delle tabelle con 24 esercizi in forma analitica, sintetica e globale facili da consultare e realizzare in allenamento. Per chi fosse interessato può contattarmi in privato su Messenger o inviando una mail all’indirizzo volleyproje@gmail.com. Vi attendo numerosi. Stefano Lorusso.